Notte della Geografia-scheda

La cartografia come strumento di valorizzazione dei centri storici

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Salerno e Avellino, Palazzo Ruggi d’Aragona, via Tasso 46, Salerno, ore 19-22
a cura del Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno, con la collaborazione di:

  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Salerno e Avellino.
  • Distretto DATABENC, Distretto ad Alta tecnologia per i Beni culturali, Regione Campania
  • Associazione Italiana di Cartografia (AIC)
  • Associazione Italiana Insegnanti di Geografia-Sez. Regionale Campania

In occasione della Notte della Geografia, il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno (Direttore: prof. Mariagiovanna Riitano) promuove un evento dal titolo La cartografia come strumento di valorizzazione dei centri storici, organizzato a Salerno, presso la sede della Soprintendenza, in data 6 aprile, dalle ore 19:00 alle ore 22:00.

L’evento è strutturato su due attività:

  • presentazione del Progetto “Salerno in particolare. Beni culturali e innovazione” dedicato al Centro storico di Salerno e realizzato dal Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università di Salerno (nov. 2016-feb. 2017).
    Il Progetto ha preso avvio da una complessa attività di ricerca scientifica multidisciplinare che ha consentito di delineare la base informativa di riferimento relativa sia al contesto geografico del Centro storico, sia alla dotazione di beni culturali costituita da musei, chiese, palazzi nobiliari e reperti archeologici, ma anche da elementi di dettaglio capaci di narrare vite e culture del passato.
    A questa fase è seguita l’individuazione di modalità innovative di presentazione del patrimonio culturale, attraverso il supporto delle nuove tecnologie, così da consentire alla cittadinanza, oltre che ai turisti, di conoscere più approfonditamente il significativo sistema di monumenti, di tradizione e di memoria da cui deriva la configurazione attuale della città.
    Il Progetto ha previsto un complesso programma di attività e di eventi, presentati in diverse e prestigiose sedi del Centro storico, attraverso i quali il contesto geografico, caratterizzato dalla diffusa presenza di beni storici, artistici e archeologici, è stato interpretato e proposto in diverse versioni.
    Dell’articolato complesso di attività realizzate dal DISPAC, per l’occasione, sono presentati:
  • la mostra “Salerno in particolare-Immagini del Centro storico”, che rappresenta e descrive particolari architettonici di pregio del Centro storico partendo da una grande cartografia tematica (7m x 4m) appositamente realizzata dal Laboratorio “Sistemi Informativi per l’Organizzazione del Territorio-SIGOT” del DISPAC. La Mostra è allestita stabilmente presso Palazzo Ruggi d’Aragona, sede della Soprintendenza;
  • la Cartografia tematica georeferenziata interattiva, consultabile attraverso uno schermo touch screen, dedicata all’intero comparto urbano del Centro storico salernitano, che consente l’individuazione del ricco patrimonio monumentale, classificato per categorie tipologiche (chiese, monasteri, palazzi nobiliari, ecc. …) nonché la lettura di specifiche schede illustrative e la consultazione di immagini fotografiche relative ai diversi beni. La cartografia, consultabile anche attraverso la SmartApp Salerno e realizzata dal Laboratorio SIGOT, costituisce parte integrante della Mostra;
  • il video “Attraversare Salerno nel tempo: monumenti, storia, cultura della città”, proiettato presso la sede della Mostra, ricostruisce il legame tra i luoghi più significativi della città e la memoria attiva trasmessa dal suo patrimonio storico e monumentale.
    Le attività sono state svolte nell’ambito delle iniziative promosse dal Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali-Databenc, di cui il Dipartimento fa parte.

2. avvio di un confronto sul tema “Beni culturali e identità locale per la valorizzazione del territorio nel contesto globale: casi di studio”, rivolto a studenti delle Scuole Superiori di secondo grado.
L’attività, volta a favorire una riflessione da parte dei ragazzi sul tema proposto, prevede:

  • la visita alla Mostra guidata da geografi, storici dell’arte e archeologi dell’Ateneo salernitano;
  • il coinvolgimento di alcune Scuole in dialogo con il DISPAC in un modulo di Alternanza Scuola Lavoro (20 ore), coordinato dal Dipartimento in collaborazione con la Soprintendenza. Il modulo si concluderà con l’elaborazione, da parte dei gruppi coinvolti, di un prodotto multimediale sull’argomento proposto (power point, video, etc…), destinato al concorso “La notte della geografia per i beni culturali”. A conclusione della visita alla Mostra sarà premiato, presso la sala conferenze della Soprintendenza, il gruppo che avrà realizzato il prodotto migliore.
    Il premio consisterà in materiale documentario di interesse geografico. L’AIC contribuirà alla premiazione invitando il gruppo vincitore a partecipare al Convegno annuale dell’Associazione, dal titolo “Cartografia e sviluppo territoriale delle specificità geografiche” che si terrà a Benevento dall’8 al 10 maggio.
    Inoltre l’AIIG Sez. Regionale Campania e Sez. provinciale di Salerno, donerà agli studenti e ai docenti vincitori l’iscrizione gratuita all’Associazione per un anno, con diritto a ricevere i materiali informativi (la rivista Ambiente Società e Territorio) e gli inviti alle iniziative culturali, promosse e organizzate dall’Associazione. Sono previsti anche un secondo e un terzo premio.

Obiettivi
L’evento intende promuovere un’occasione di riflessione sul contributo offerto dalla geografia e dalla cartografia allo studio e alla valorizzazione del patrimonio culturale. In particolare, focalizza l’attenzione sui territori impegnati nel rafforzamento e nella promozione delle identità e dei patrimoni locali, al fine di affrontare in maniera più adeguata le sfide competitive richieste dai processi di globalizzazione.
In quest’ottica, il Progetto “Salerno in particolare. Beni culturali e innovazione” costituisce un esempio di valorizzazione dei beni culturali in un contesto locale e, al contempo, dà evidenza al ruolo della geografia nei progetti di valorizzazione territoriale.
Inoltre, il concorso sul tema “Beni culturali e identità locale per la valorizzazione del territorio nel contesto globale: casi di studio” ha lo scopo di coinvolgere gli studenti, sollecitandoli a riflettere su una tematica geografica di grande attualità che attiene al rapporto locale/globale.

Riferimenti:
Mariagiovanna Riitano (Professore ordinario di Geografia economico politica, Direttore del Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale, Università degli Studi di Salerno): mgriitano@unisa.it
Teresa Amodio (Professore associato di Geografia, Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale, Università degli Studi di Salerno): tamodio@unisa.it

Collaboratori
Clementina Cantillo (Professore ordinario, DISPAC, Università degli Studi di Salerno, Responsabile Alternanza Scuola-Lavoro per il DISPAC)
Stefania Zuliani (Professore associato, DISPAC, Università degli Studi di Salerno, Curatrice della Mostra Salerno in particolare: immagini del Centro storico),
Anna De Martino (Responsabile Servizio educativo della Soprintendenza Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Salerno e Avellino)
Giorgia Iovino (Professore associato di Geografia, DISPSC, Università degli Studi di Salerno)
Massimiliano Bencardino (Ricercatore di Geografia, DISPSC, Università degli Studi di Salerno)
Silvia Siniscalchi (Ricercatore di Geografia, DIPSUM, Università degli Studi di Salerno e presidente della Sez. Regionale Campania dell’AIIG)
Maria Paladino (Borsista, DISPAC, Università degli Studi di Salerno )

Segreteria organizzativa
Luigi Valanzano (Borsista, DISPAC, Università degli Studi di Salerno)
Valentina Spacagna (Borsista, DISPAC, Università degli Studi di Salerno)
Giusy Sica (Borsista, DISPAC, Università degli Studi di Salerno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *